Rigoletto, Falstaff, Un ballo in maschera, Il Trovatore: in molte delle opere di Verdi, la magia, le streghe, l’incanto, i maghi sono materia ribollente per la trama e il per canto. I burattinai classici italiani, da sempre hanno saputo richiamare questi personaggi per farli rivivere nelle loro baracche e appassionare con questa intrigante bellezza, con la melodia e con il mistero, il pubblico di ogni età. Il solo pronunciare il nome di questi personaggi, ha il potere di evocare, e non solo nei più piccoli, luoghi straordinari, abissi infuocati e foreste segrete, dove vola libera la fantasia. I burattini di legno infatti, sono lo spettacolo più adatto per permettere allo spettatore di ogni età di percorrere questi luoghi e questi intrecci senza paura e con gran divertimento. Il Teatro dei Burattini di Como da sempre, nelle arti, nelle immagini, nelle tecniche di animazione dei burattini, nel linguaggio e nella drammaturgia ha bandito tutto quello che potrebbe generare paura o ansia nei piccoli spettatori.
In quest’opera quindi trionfano il gioco, l’ironia e la strabiliante fantasia, acciocché si possa ridere di gusto e gioire seguendo l’avventurosa trama. Gli adulti, oltre a divertirsi come i più piccoli, potranno anche dedicarsi a ricercare i diversi riferimenti “Verdiani” celati nello spettacolo.

Greto del torrente Parma

sabato 29 settembre 2018, ore 16.00

 

 

NELL'ANTRO DELLA STREGA

OVVERO L'INCANTESIMO DELL'OPERA

 

Produzione Teatro dei Burattini di Como

 

Lo spettacolo sostituisce La malediazione di Triboletto, precedentemente annunciato.