Come nella partitura e negli appunti del compositore veneziano, i quadri sonori tra pensiero matematico e sospensione filosofica e le memorie di voci e spazi diventano materiali di scoperta. In particolare, la ricerca indaga i percorsi dell'Isola Seconda di Prometeo, il frammento del Canto di Iperione e del Destino di Friedrich Hölderlin. La liaison spaziale tra il Museo Archeologico, il Teatro Farnese dove l’opera sarà eseguita e l'edificio industriale di fine Ottocento che ospita Lenz Teatro (via Pasubio 3/E), ove verrà rappresentato Hyperion nel medesimo arco temporale (giovedì 18, venerdì 19, sabato 20 maggio 2017, ore 21.00), indica un ulteriore campo di indagine linguistica, una rifrazione tra monumento storico-museale e architettura moderna. La memoria di un testo che appare lontano, musiche che si adagiano su di una "tragedia di suoni". Questi sono gli elementi attorno ai quali riverbera l'acustica di Questa Debole Forza. Un'archeologia di voci, mobile e instabile, dove l'elettronica, fatta di nastri e field-recordings, custodisce i segreti del testo di Hölderlin.

Posti limitati, prenotazione obbligatoria.
Posto unico €15 (€10 spettacolo + € 5 ingresso Museo)

Palazzo della Pilotta, Museo Archeologico Nazionale di Parma, Sala delle Statue di Veleia

venerdì 26 maggio 2017, ore 18.00 e ore 19.15
sabato 27 maggio 2017, ore 18.00 e ore 19.15
domenica 28 maggio 2017, ore 18.00 e ore 19.15

 

 

QUESTA DEBOLE FORZA

 

Da LUIGI NONO e FRIEDRICH HOLDERLIN

Imagoturgia
FRANCESCO PITITTO

Installazione site specific
MARIA FEDERICA MAESTRI

Performer
CHIARA GARZO

Basso
EUGENIO DEGIACOMI

Live electronics
CLAUDIO ROCCHETTI

Produzione
Lenz Fondazione

 

Per informazioni e prenotazioni
Lenz Fondazione
tel. (+39) 0521 270141
info@lenzfondazione.it